Hai qualche dubbio?

Toglitelo subito, cerca la risposta tra le nostre FAQ (Frequently Asked Questions)

A cosa serve la Prima Visita?
La Prima Visita è il momento fondamentale di conoscenza reciproca e serve a stabilire il patto di fiducia tra te e Densanea: permette di fare conoscenza in modo approfondito, prestando molta attenzione allo stato di salute complessivo (anamnesi), allo stile di vita, alla qualità del sonno, alle abitudini alimentari, al tipo di attività fisica che si svolge. Scopri di più densanea.it/prima-visita

Ci sono patolgie che potrebbero escludere l’inserimento di impianti?
Generalmente no. Si parla solamente nei casi di malattie autoimmunitarie che escludono anche altri tipi di interventi, oppure malattie generalizzate gravi come fortissime cardiopatie, diabete ad alti livelli non controllato, grave osteoporosi, gravi problemi di coagulazione del sangue, oppure un sistema immunitario fortemente danneggiato. In tal caso bisogna informare l’implantologo e si vede come procedere nelle cure.

Potrei essere allergico all’impianto?
No, gli impianti sono costruiti in titanio, un materiale resistente e leggerissimo che non ha componenti allergiche e che il corpo riconosce facilmente come parte integrante dell’organismo.

C’è un età minima per l’installazione di un impianto?
Per mettere gli impianti deve essersi conclusa la crescita o formazione ossea della persona, che viene considerata terminata a 18 anni. Prima si sconsiglia di applicare gli impianti.

Perchè si cariano i denti?
La carie che colpisce i denti è un processo distruttivo dovuto a più fattori : una igiene orale non perfetta che permette il proliferare della placca contenente i batteri cariogeni, un’alimentazione ricca di zuccheri
alcune variabili genetiche relative al soggetto ospite.

Cos’è la placca batterica?
La placca batterica è quella patina biancastra che si deposita sui denti, è composta da batteri che vi si riproducono organizzandosi e nutrendosi di zuccheri producendo cosÏ gli acidi responsabili del processo carioso.

Cosa si può fare per evitare la carie dentale?
Mediante una buona igiene orale ed una corretta alimentazione si può notevolmente abbassare il rischio di carie. Inoltre mediante la fluoro-profilassi eseguita sin dai primi giorni di vita con l’assunzione di fluoro in gocce e seguita poi dopo l’infanzia con l’applicazione topica di dentifrici e coluttori fluorati, si riduce ulteriormente e di molto tale rischio. La sigillatura dei molari e dei premolari appena erotti unitamente ai frequenti controlli odontoiatrici insieme alle necessarie sedute di motivazione e di igiene professionale, mantengono ulteriormente sotto controllo la situazione.

Cos’è un impianto?
L’impianto è il sostituto artificiale delle radici naturali dei denti mancanti e può sostenere una corona singola, una protesi fissa, oppure una protesi rimovibile completa o parziale. Esso è composto da un materiale biocompatibile ed allestito in forma cilindrica o conica a vite. Ne esistono di diametro o lunghezza variabili a seconda della quantità e qualità di osso a disposizione.

Come lavare i denti?
I denti vanno spazzolati con l’ausilio di un dentifricio fluorato, almeno tre volte al giorno. Preferibilmente al mattino dopo colazione e la sera prima di coricarsi. Lo spazzolamento va eseguito con piccoli movimenti rotatori tenendo le setole dello spazzolino inclinate di circa 45∞ rispetto l’asse del dente in modo da indirizzarle nel solco gengivale ( tecnica di Bass ).
Fondamentale l’uso, almeno una volta al giorno, del filo interdentale e nel caso di ponti o apparecchi ortodontici, dello scovolino, per raggiungere quelle aree dove lo spazzolino non può arrivare. L’uso di colluttori medicati ( clorexidina o altro ) va limitato a casi particolari su indicazione dell’odontoiatra o dell’igienista dentale. Oggi può essere consigliabile il ricorso ad uno spazzolino elettrico che dagli ultimi studi rimuove quasi il 100% di placca in più rispetto allo spazzolino tradizionale.

Perchè è importante l’igiene della bocca?
La prevenzione attraverso una corretta igiene orale è di fondamentale importanza per evitare o limitare la formazione non soltanto di malattie parodontali ma anche di carie.

Perchè sento dolore quando bevo bevande calde o fredde?
L’eccessiva sensibilità alle temperature può essere provocata dall’esposizione della dentina che si trova a non essere più ricoperta dallo smalto o dalla gengiva; tale problematica si genera a causa di uno scorretto spazzolamento dei denti o di fenomeni patologici quasi malattie parodontali. L’esposizione della dentina può essere provocata anche dall’eccessivo uso di sostanze erosive come alimenti acidi (agrumi, yogurt, succhi di frutta) che erodono lo smalto.

Come posso fare se ho paura di andare dal dentista?
Qualunque trattamento che genera i fenomeni di odontofobia va gestito nel rispetto del paziente con Sedazione Cosciente assistita da un esperto anestesista. Tutte le terapie devono essere effettuate in assenza di dolore.

Posso andare dal dentista in gravidanza?
Secondo le ultime raccomandazioni in materia, sottoporsi alle cure dentistiche non rappresenta alcun rischio per il feto: le conseguenze di un ascesso o parodontite non adeguatamente trattati, rappresentano rischi ben più gravi.

Cosa sono le faccette estetiche?
E’ un rivestimento in ceramica che permette di modificare il colore, la forma e in generale l’aspetto di un dente naturale. La riduzione del dente è minima (0,4 mm) e solamente anteriore.

Che cos’è la gengivite?
La gengivite è un’infiammazione superficiale del parodonto

A che età si deve portare un bambino da un dentista?
E’ consigliabile portare il bambino dal dentista per una prima visita dall’età di 1 anno. Successivamente il bambino deve essere controllato ogni 6 o 12 mesi per monitorare lo sviluppo dei denti e il livello di igiene orale.

A cosa serve fare gli sciacqui con il collutorio?
I collutori non sostituiscono una corretta tecnica di spazzolamento dei denti. Esistono tuttavia diverse tipologie di collutori, quelli comunemente definiti da banco e presenti anche nei supermercati, possono essere utili come strumenti di prevenzione della carie dentaria. I collutori che richiedono una prescrizione medica e hanno una più specifica azione antibatterica parodontale, sono di solito utilizzati per brevi periodi legati alla impossibilità di praticare le normali tecniche di spazzolamento dei denti. Questi ultimi possono avere effetti collaterali dannosi se usati continuativamente per lunghi periodi.

Perchè le gengive sanguinano?
Le gengive sanguinano perché, in seguito a un accumulo di placca batterica si induce un’infiammazione gengivale. I tessuti, se stimolati meccanicamente (spazzolamento), manifestano il sanguinamento.